Death from outer space

Cosa accomuna Fox Moulder, Oscar Pistorius e Benedetto XVI? Forse che sono tutti e tre personaggi di fantasia? O forse più semplicemente che tutti e tre si sono alternati sulle prime pagine dei giornali questa settimana? Oddio, Fox Moulder solo per via indiretta e sulla scorta delle due leggi che da lui prendono il nome:

1) La prima legge di Moulder riprende quella di Murphy e la reindirizza in termini cosmologici: qualora la traiettoria di un meteorite transitante nello spazio incontri le coordinate terrestri, gli unici a preoccuparsi dovranno essere i russi. Legge che formalmente spiega anche il secondo assioma Moulderiano e che nega l’ipostasi di Emmerich.

2) Roland Emmerich sosteneva che in caso di attacco alla Terra da parte di esseri extraterrestri o in caso di catastrofe naturale irrimediabile, tra le quali una pioggia di meteoriti, citofonare Willis, Bruce.

Pare che lo sciame detritico del passaggio di un asteroide nei pressi del pianeta Terra, penetrato nell’atmosfera terrestre, sia stato intercettato da un missile della difesa russo a 20 km, caricato a salve. Dove? Gli Urali ovviamente. L’esplosione ha mandato in frantumi le frattaglie cosmiche, impedendo un impatto devastante al suolo, ma provocando comunque danni ingenti a persone e cose. Nell’epoca della multimedialità un fenomeno di così scarso valore scientifico, assume altro tipo di valore in termini di spettacolarizzazione e drammatizzazione.

All’origine del fenomeno non si nasconde qualche turbamento millenaristico, ma fattori prettamente umani. Un documento scottante che spiegherebbe le recenti esplosioni su Chelyabinsk, nome della cittadina che ricorda la ben più famosa Chernobyl:

Oscar Pistorius, detto il Robocop della campestre, sembra abbia ammazzato a pistolettate una figa imperiale. Lui si difende dicendo che credeva fosse un ladro penetrato nella sua abitazione, ma gli inquirenti sono piuttosto scettici. Qui un elenco di domande\pensieri che attendono risoluzione.

1) Come cazzo è possibile che un handicappato abbia in dotazione un arsenale come quello trovato a casa di Pistorius?
2) Prima di scendere per freddare l’eventuale ladro, il Pistorius si è unito ai suoi componenti robotici tipo un film di Michael Bay, oppure è strisciato stile Commando per non farsi localizzare?
3) Quale frustrante senso di inappagamento, detto anche sindrome da infermierina, pervade le donne per mettersi con uno che ha le unghie dei piedi in carbonio?
4) Se scopa(va) Pistorius con una così, c’è speranza per tutti.
5) Sarà fuori in tempo per Rio 2016?
6) Con le protesi si scaverà una via di fuga stile ‘Le ali della libertà’?

Al di là delle sciocchezze che ho scritto, è degradante, umiliante, infamante il modo che hanno gli esseri umani di trarre una conclusione o un giudizio su un fatto umano, che automaticamente condanna l’essere. Dal grande atleta che sconfigge le barriere architettoniche e mentali, si è passati all’insindacabile giudizio sulla sua gelosia, la sua vena iraconda, la sua instabilità psichica. Ma dov’erano tutti questi fattori negativi quando ci faceva due coglioni così che voleva gareggiare con i ‘normodotati’? Quella volta avremmo dovuto sparargli noi, altroché. Com’è che adesso è quasi incredibile che un uomo abbia delle pistole in casa? Forse a Tauriano (PN) è improbabile, ma un bianco a Pretoria senza armi è come un cucciolo di foca che per sbaglio s’imbarca su un peschereccio di bracconieri giapponesi.
Pur tuttavia, anche in questa circostanza, una spiegazione, per quanto metafisica, esiste:

Pistorius ha elaborato il suo sistema meccanico di locomozione grazie al lavoro di ingegnieri biomedici friulani e si è allenato per le olimpiadi nella ridente località di Gemona del friuli (UD). Gemona del Friuli è l’ultimo paese prima della Carnia, ed essendo terra di frontiera, il luogo come gli abitanti, sono del tutto particolari. E se c’è una cosa certa è che Gemona del friuli porta una sfiga tremenda.

DISCLAIMER:
Questo post è premeditato. Per la banalità e rozzezza dei (pochi) contenuti emessi ne è fatto assoluto divieto di condivisione. La condivisione dovrebbe essere un reato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...